In Sicilia, ex tonnara di charme

 

1 Tonnara-Di-Bonagia-Resort-photos-Exterior-Tonnara-Di-Bonagia-Hotel-di-Charme-83 Tonnara-Di-Bonagia-Resort-photos-Exterior-Tonnara-Di-Bonagia-Hotel-di-Charme-74 Tonnara-Di-Bonagia-Resort-photos-Exterior-Tonnara-Di-Bonagia-Hotel-di-Charme-55 Tonnara-Di-Bonagia-Resort-photos-Exterior-Tonnara-Di-Bonagia-Hotel-di-Charme6 Tonnara-Di-Bonagia-Resort-photos-Exterior-Tonnara-Di-Bonagia-Hotel-di-Charme-37 Tonnara-Di-Bonagia-Resort-photos-Exterior-Tonnara-Di-Bonagia-Hotel-di-Charme-18 Tonnara-Di-Bonagia-Resort-photos-Exterior-Tonnara-Di-Bonagia-Hotel-di-Charme-69 karman-amarcord-1100x650-2-500x29510 karman-domenica2-500x295In Sicilia, a pochi passi da una spiaggia rocciosa, La Tonnara di Bonagia Hotel di Charme accoglie gli ospiti in un’antica tonnara siciliana del 17° secolo.

La struttura rappresenta una delle realtà di maggior interesse del comprensorio turistico della Sicilia Occidentale, con vista panoramica che spazia dal pizzo Cofano alle Isole Egadi, dal Monte Erice al golfo di Bonagia.
L’hotel si trova a Bonagia, un borgo marinaro nel comune di Valderice, a circa 15 km dal centro di Trapani, circa 20 km dall’aeroporto di Trapani e 90 km da quello di Palermo. Questo hotel è situato in una zona pittoresca a poca distanza dal centro di Valderice: il Quartiere Spagnolo è nei pressi dalla proprietà e vicino alla struttura si trova il porto.

L’Hotel La Tonnara di Bonagia, circondato da palme e giardini, completamente ristrutturato e adattato ai canoni tecnici moderni di una residenza turistica di grande fascino, ha mantenuto la propria magica atmosfera originaria, grazie a un restauro esperto e accurato.

Questo particolare hotel di charme coinvolge l’intera area del tradizionale borgo peschereccio, affacciato sul mare ma anche a contatto con il mare e nasce sotto l’egida di Room Mate Group, leader nei servizi di ospitalità, marchio pluripremiato, fondato da Kike Sarasola che lancia ora sul mercato internazionale il nuovo brand X-Perience Hotels proprio con La Tonnara di Bonagia: il primo resort X-Perience Hotels nel mondo.

Le strutture di questo nuovo marchio si distinguono per le loro location privilegiate e mozzafiato e per l’attenzione al design e ai dettagli, nel segno dell’esperienza pluriennale di Room Mate Hotels nel fornire agli ospiti servizi su misura e personalizzati, come nel caso del complesso Tonnara.

Ispirata alle tradizioni siciliane più autentiche e immersa nei colori e nei profumi del Mediterraneo, La Tonnara di Bonagia comprende 47 appartamenti e 58 camere, la maggior parte delle quali dotate di terrazzi con vista sul mare, grandi e curatissimi spazi comuni, una splendida piscina immersa nel verde rigoglioso delle palme e l’accesso diretto ad una caletta privata. Ampia e qualificata la gamma di proposte dedicate agli amanti dello sport.

L’arredamento degli ambienti è opera dell’estro creativo e della cura dell’interior designer Valentina Militerno De Romedis, del noto studio The Lab Project, con sede a Genova.

Scelti tra i migliori brand di design, i diversi elementi d’arredo tra i quali, accanto a quelli per esterno della spagnola Kettal, sono presenti anche tre marchi italiani leader: il Gruppo Rubelli per tende e poltrone, Officinarkitettura per il rivestimento delle testate dei letti e Karman per l’illuminazione. Karman è presente con due diverse collezioni, in più versioni: Amarcord (penultima foto), disegnata da Matteo Ugolini e Domenica (ultima foto), disegnata da Luca De Bona&Dario De Meo.

Annunci
Pubblicato in Illuminazione, Tutti gli articoli, Viaggi e Turismo | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Ai Caraibi tra mare e golf

1 View-TheReefbyCuisinArt-Anguilla-CRHotelThe Beach Bar at CuisinArt Golf Resort & Spa, AnguillaThe Pool Deck at CuisinArt Golf Resort & Spa, AnguillaX283872 24 imagesVilla Patio, The Residences by CuisinArt, AnguillaThe lobby at CuisinArt Golf Resort & Spa, Anguilla8 movimento-1CuisinArt Golf Resort &Spa, di fronte all’oceano, sulle sinuose coste della Rendezvous Bay nell’isola caraibica di Anguilla, è una struttura a 5 stelle, icona del lusso fin dalla sua apertura, avvenuta nel 1999.

Il complesso è immediatamente riconoscibile per la sua architettura bianca che si ispira a quella delle case dell’isola greca di Mikonos e che contrasta cromaticamente con le acque turchesi del mare caraibico e con il blu del cielo.

Il resort propone diverse sistemazioni di ospitalità fronte mare per un totale di 91 suite e 7 lussuose ville private, poste lungo tutta la Rendezvous Bay: un complesso all’altezza della sua leggendaria fama per il contesto paesaggistico, per le sue dotazioni e i suoi qualificati servizi. Nonché per il campo da golf.

Infatti, nella proprietà è incluso un campo da golf a 18 buche, ideato dalla società Greg Norman Golf Course Design, leader nel settore, cui si devono i migliori campi da golf nel mondo: una delle imprese create negli anni dal famoso campione australiano di golf Greg Norman, noto anche per essere stato soprannominato “grande squalo bianco”.

Dopo il devastante ciclone abbattutosi sull’isola nel 2017, il resort, fortemente danneggiato, è stato ristrutturato in modo totale con un intervento importante sia sotto il profilo delle finiture che del design. Ne sono state interessate tutte le aree sia all’interno sia all’esterno: quindi il golf, lo spazio wellness, la spa con 16 aree di trattamenti diversi, la cucina e altre zone di divertimento e fitness e tanto altro.

Un investimento importante e di grande qualità, attento alla scelta dei materiali e dei marchi di prodotti, arredi e finiture, che hanno nel loro insieme riqualificata e reso contemporaneo lo spazio interno ed esterno della strettura.

In questo contesto di re-design e attualizzazione del resort, si evidenzia la forte presenza del marchio italiano Frette (nell’ultima foto), con l’eleganza dei suoi tessuti e disegni, perché, come afferma Stephane Zaharia, presidente e direttore generale di The Resort&Residences By Cuisinart,” Niente è più importante per un viaggiatore, sia per affari che per piacere, che un buon sonno. I nostri nuovi letti sono stati definiti stellari. Non c’è niente di meglio per un riposo perfetto che essere avvolti da Frette”.

Pubblicato in Green News, Tutti gli articoli, Viaggi e Turismo | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Porte italiane a Manhattan

1 oikos-ristrutturazione-new-york-9Il marchio italiano O2 Unknown3 oikos-ristrutturazione-new-york-84 oikos-ristrutturazione-new-york-4-683x1024ikos ha partecipato alla riqualificazione di un immobile storico e protetto dalle Belle Arti, a Manhattan, nel quartiere Tribeca, in Chambers Street, di proprietà privata: gli spazi interni ( foto 1 e 2 prima della ristrutturazione) sono risultati composti, a progetto ultimato, da 7 appartamenti e tre suite.

Degli interni si è occupato l’architetto Leopoldo Rosati che ha mescolato elementi tipici del territorio, come i classici mattoni faccia a vista alla Newyorkese, con uno stile estremamente moderno. Passato e presente, storia e modernità, conservazione e avanguardia, opposti che anche in questo progetto vivono e si combinano.

Una commistione di epoche, stili ed esigenze caratterizzano gli spazi rendendoli nuovamente vivibili, attuali ma mai privi delle loro radici anzi carichi di nuovi significati ancora più profondi.

Le residenze presentate sono espressione dell’adattabilità e della flessibilità che l’architetto Rosati, manifesta nel suo modo di progettare e interagire costruttivamente con i suoi clienti.

Per i sette appartamenti è stata installata Tekno Venezia, (foto 3) la porta blindata con cerniere a scomparsa caratterizzata da performance di alta gamma: classe antieffrazione 3, resistenza al fuoco EI 90 o EI120, isolamento termico 1,6, acustico 43 dB e aria, acqua e vento rispettivamente fino a 4, 5A e C5.

Per gli ingressi blindati di ciascuna delle tre suite la scelta è caduta sul modello Synua (foto 4) nelle varianti in cemento liscio e total white: la porta d’ingresso di sicurezza per le grandi dimensioni, a bilico verticale e complanare al muro. Il meccanismo a bilico, a scomparsa, consente all’anta di ruotare su se stessa, donando maggiore apertura e luminosità.

 

Pubblicato in Recinzioni e Sicurezza, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

In Costa Azzurra, grès ceramico italiano

1 CAESAR2 CAESAR3 CAESAR4 CAESARNel suggestivo contesto della Costa Azzurra, l’azienda italiana Ceramiche Caesar ha contribuito alla realizzazione di una lussuosa residenza privata, arredando gli ambienti indoor e outdoor con collezioni ceramiche di diversa ispirazione naturale e dando prova di un’affidabilità estetica e funzionale adatta anche ai luoghi più esclusivi.

Tra le numerose collezioni dell’azienda è stata scelta e utilizzata la linea Absolute, che si ispira alla pietra e si è resa protagonista nei pavimenti sia delle aree interne sia di quelle esterne all’abitazione.

La serie Roxstones, nel decoro Roxwall 3 è stata scelta per arricchire i rivestimenti di banconi e pareti sia in esterno che in interno. Superfici dinamiche e mai banali si affidano alla peculiarità della quarzite, regalando architetture dal forte impatto visivo.

La collezione interpreta la forza materica della pietra, declinata nella colorazione Beola Bianca, una variante cromatica bianca, a grana omogenea e realizzata secondo criteri ecocompatibili.

Arreda gli spazi dedicati al bagno una raffinata collezione che riproduce fedelmente tutto il fascino del marmo insieme a un’altra linea che si ispira alla pietra: il grès porcellanato Made in Italy che si caratterizza per una superficie naturale e finemente cesellata che unisce un’elegante estetica a morbide sensazioni tattili.

Pubblicato in Pavimentazioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Nella citta di Omegna: il colore 2.0

1 COLORE Omegna2 COLORE OmegnaSiamo in Italia, in Piemonte. Qui, non lontano dal Lago Maggiore, e posta all’estrema propaggine nord del fascinoso Lago d’Orta, si trova Omegna: una città che si è dotata, sin dal 1984, di un Piano di Coordinamento Cromatico del centro storico. Lo studio, redatto dall’Architetto Fabrizio Bianchetti, è stato certamente uno dei primissimi esempi di definizione del colore applicato all’ambiente costruito ed è stato oggetto di numerose pubblicazioni, studi e conferenze che hanno contribuito alla diffusione e alla conoscenza della materia anche in altri contesti geografici.

Il Piano, pur costantemente valido nel suo impianto scientifico e metodologico, risulta in applicazione da oltre trent’anni e, pertanto, è stato sottoposto ad una fase di verifica dei risultati di applicazione e di adeguamento, ove necessario, delle metodologie di indagine, delle conoscenze maturate e della normativa per i beni culturali e del paesaggio nel contempo intervenuta.

Il nuovo progetto di coordinamento cromatico, affidato a Bianchetti Achitettura Studio Associato (architetti Fabrizio Bianchetti e Gabriele Medina) ha saputo trarre una proposta reale ed operativa d’intervento tale da rivelarsi come un segno del risorto interesse dei cittadini nei confronti al proprio ambiente costruito. Il progetto di colorazione del centro storico, pertanto, si pone come punto di partenza per ulteriori future ricerche e studi aventi come obiettivo la riqualificazione e il coordinamento degli interventi edilizi di recupero, o di manutenzione, in grado di incidere sull’immagine cittadina.

Pubblicato in Green News, Progetti, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Primo in India

2 VANA3 VANA4 VANA5 VANA

7 VANA9 VANA10 VANAImpressionante per imponenza e nello stesso tempo idilliaco per atmosfera, il resort Vana Malsi Estate, realizzato su progetto dello studio spagnolo Esteva i Esteva Arquitectura, con sede a Palma de Majorca, si trova in India, nello Stato settentrionale dell’Uttarakhand, a poca distanza dal capoluogo Dehradun dell’omonimo distretto, alle pendici dell’Himalaya.

La tenuta si estende su una superficie di 21 acri, e la struttura si propone come una soluzione ideale per coloro che cercano il benessere fisico, mentale e spirituale attraverso l’ayurveda, lo yoga, le terapie naturali, la Spa e il fitness.

Con le sue con 69 stanze, 17 suite e 4 ville è un monumentale rifugio dallo stress delle città, tra dolci declivi con piantagioni di mango, inserita perfettamente tra le meravigliose antiche foreste di sale e, a nord, le colline di Mussoorie.

Dal 2015 il Vana Malsi Estate, primo in India, ha ottenuto il riconoscimento LEED Platinum Certification dal US Green Building Council,

Attraverso la vasta offerta di trattamenti, consultazioni e attività per il benessere, i suoi esperti sono in grado di creare un programma giornaliero di trattamento personalizzato per ogni ospite, con un percorso su misura in base alle proprie esigenze, determinando gli obiettivi cui si desidera arrivare.

Nei 1500 sqf dedicati alle attività ginniche vengono utilizzati i più attuali e tecnologici attrezzi dell’azienda Tecnogym, marchio italiano leader che ha preso il via negli anni Ottanta del secolo scorso, per espandersi a livello globale, specializzandosi via via come Wellness Solution Provider.

La vita all’interno del resort è piena di possibilità di svago e relax, impegno sportivo e meditativo: si effettuano ogni giorno le sedute guidate di yoga per gli ospiti, lezioni di cucina naturale, spettacoli di musica, sono a disposizione i vasti orti biologici, tè e frutteti.

Inoltre, Vana prende molto sul serio il suo impegno per l’ecologia: tutta la biancheria da letto e da bagno è 100% organica, il cibo servito è locale, di stagione e biologico, quando possibile. Gli interni sono caratterizzati da design moderno.

 

Pubblicato in Architetture, Tutti gli articoli, Viaggi e Turismo | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Un’icona di tradizione e modernità

1 ARPT2 ARPT3 ARPT4 ARPTAffidata al team guidato dall’architetto Mario Cucinella -MCA, sta proseguendo in Algeria, ad Algeri, la realizzazione della sede di ARTP – Autorité de Régulation de la Poste et des Télécommunication, progetto vincitore nel 2013 di un concorso internazionale.

Sviluppato su un’area di 14.000 mq, il progetto trae ispirazione dal paesaggio desertico algerino, dove le dune sembrano edifici naturali, costruiti dal vento e dalla sabbia. La posizione del lotto, posto lungo un’arteria stradale di grande importanza e la prospicienza al nuovo parco urbano del quartiere Bab Ezzouar, ha offerto la possibilità di realizzare un edificio altamente visibile e rappresentativo, destinato a diventare un nuovo landmark contemporaneo algerino.

Un edificio istituzionale come la nuova sede dell’ARPT deve fungere da punto di riferimento all’interno di un quartiere e di una città in cui tradizione e modernità si fondono per creare nuovi scenari simbolici e culturali.

La proposta progettuale disegna un edificio altamente iconico che sfrutta il contatto diretto con il nuovo parco. La volontà di creare un edificio che funzionasse secondo i principi della bioclimatica e in particolare secondo le tecniche di raffrescamento naturale del passato, quale il tu’rat, ha suggerito una forma aerodinamica, convessa sul fronte Nord per deviare i venti caldi, e concava a mezzogiorno per captare le brezze fresche notturne e favorire così la ventilazione naturale dell’edificio.

Pubblicato in Architetture, Progetti, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Sotto le pavimentazioni

1 supporti.regolabili_new2 supporti.nuovo-rails3 IMPERTEK-Terrazza-Santambrogio-Milano-Studio5-e15263104211804 IMPERTEK-Hi-Line-Rooftop-Bar_43-2Nata nel 1985 come azienda italiana specializzata nella posa di guaine e materiali in PVC, Impertek ha la propria sede direzionale e produttiva a Ceggia, in provincia di Venezia, con 27.000 metri quadrati di terreno, quasi diecimila dei quali coperti. Qui dal 2001 la famiglia Giacomini, originaria di Jesolo, ha scelto di trasferire quella che in oltre trent’anni di attività è diventata un esempio positivo del Made in Italy.

Oggi costituisce una delle realtà più conosciute e floride, sia in Italia sia all’estero, nel settore della produzione e commercializzazione della componentistica per l’impermeabilizzazione e l’edilizia.

L’offerta di Impertek è ampia. Dai componenti per le coperture a quelli per le fondazioni; dai waterstop, ai componenti di fissaggio per l’edilizia, dalle attrezzature fino agli articoli speciali per il cantiere.

In particolare sono da segnalare i supporti Pedestal Line (foto 1), gamma di supporti per pavimentazioni prefabbricate, sopraelevate da esterno (terrazze, bordi piscina e passerelle pedonali, con finiture miste e fuori formato. Si possono utilizzare con qualsiasi tipo di quadrotta e piastrella autoportante (foto 2) e si possono posare su tutti i tipi di terrazza anche con l’impermeabilizzazione a vista. Hanno la funzione di aerare la soletta, proteggere il manto impermeabile, distribuendo il carico su una superficie adeguata, rendere facilmente ispezionabile e riparabile il sistema di impermeabilizzazione rendendolo praticabile senza caricare troppo la soletta esistente. La forma circolare, in alcuni casi forata, si adatta perfettamente all’andamento del piano di posa anche quando non è regolare. Escursione da 10 a 1020 mm, teste auto-livellanti e produzione completamente italiana con materiali riciclabili la rendono indispensabile per ampliare le potenzialità di progettazione del professionista, con un occhio di riguardo all’ambiente.

Tra le realizzazioni, Impertek ha dato il proprio contributo: a Milano, La Terrazza in via Arco, spazio permanente su progetto di Carlo Santambrogio ed Ennio Arosio (foto 3, di Studio5); Hi-Line Rooftop Bar del Crown Resort (foto 4), una terrazza di oltre 1000 mq con vista sulla città di Perth, in Australia, lungo la passeggiata che collega tre hotel del centro con il casinò, nel quale sno stati usai 2.300 supporti Balance.

Durante la Milano Design Week 2019, Impertek è stata protagonista, con Pedestal Line, di Hotel Regeneration, mostra dedicata al contract e curata dall’architetto Simone Micheli.

Pubblicato in Pavimentazioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Gres per interni ed esterni

1 Amazzonia Dragon GreyImmagine 122 Amazzonia GreyImmagine 6La linea Extragres 2.0 dell’azienda italiana Casalgrande Padana raccoglie le collezioni a spessore 20 mm in lastre monolitiche in grès porcellanato, con una vasta gamma di colori e superfici versatili.

Resistenti e funzionali, perfettamente squadrate e rettificate, con finitura superficiale antiscivolo, sono ideali per incontrare ogni esigenza progettuale in spazi esterni pubblici e residenziali: dalle terrazze, alle spiagge, dai camminamenti su manto erboso e ghiaia, fino alle aree urbane nelle collezioni Amazzonia (nelle foto), Country Wood, Kerblok, Parchi e Pietra Baugé, Pietre di Sardegna.

La collezione in gres porcellanato Amazzonia è adatta sia ad ambienti interni che esterni (grazie alla superficie antiscivolo) e quindi arreda in modo ricercato creando continuità tra dentro e fuori e arricchisce gli spazi grazie a un’ampia palette cromatica, un’estrema versatilità nei formati e la lunga durata nel tempo. Un innovativo processo produttivo consente di realizzare prodotti di eccezionale durezza; le lastre in gres porcellanato antiscivolo per esterno Extragres sono infatti resistenti al gelo, all’attacco chimico, alle macchie, all’usura e all’abrasione, assicurano la resistenza dei colori alla luce, sono inassorbenti, resistenti a qualsiasi sollecitazione esterna garantendo una elevata resistenza meccanica e ai carichi, facili da installare e da pulire, sono inalterabili a qualsiasi condizione climatica, inattaccabili da muffe e muschi, sono facilmente posabili, ispezionabili e rimovibili.

Pubblicato in Pavimentazioni, Tutti gli articoli | Contrassegnato , , | Lascia un commento

In Francia, a Saint Jean Cap Ferrat

1 KE Hotel Royal Riviera2 KE Hotel Royal Riviera3 KE Hotel Royal RivieraIl Royal Riviera, in Francia, a Saint Jean Cap Ferrat, costruito nel 1904 e conosciuto in passato come Hotel Bedford in omaggio ai primi visitatori britannici, diventò ben presto una meta esclusiva dei circoli mondani dell’epoca e di sovrani e personalità di rilievo che vi trascorrevano lunghe villeggiature.

Ubicato sul lungomare, il Royal Riviera è un resort di lusso a 5 stelle che accoglie i suoi clienti con una magnifica piscina panoramica,da cui ammirare la baia di Cap Ferrat.

La proprietà era intenzionata a rinnovare l’area ristorante esterna, per garantire agli ospiti il massimo comfort e protezione anche in caso di maltempo.

Il progetto è stato affidato all’Ufficio PMO dell’azienda italiana KE (arch. Luca Zanin e Ufficio Tecnico KE che si occupa di grandi progetti tailor made per il settore contract) in collaborazione con l’architetto Jennifer Carré, che insieme a Nicolas Fevrier ha fondato nel 2012, a Nizza, l’Atelier Fevrier Carré Architectes, ora con sede anche a Parigi.

Per l’area dining sono state installate 7 tende a pergola della serie Gennius Isola 2 con struttura nella tonalità argento anodizzato e telo in PVC bianco. Sotto il tetto di Isola 2 sono state inoltre inserite delle tende orizzontali Gennius Tens in tessuto Soltis 92 microfiltrante con funzione ombreggiante, da utilizzare quando il telo in PVC è aperto. Per l’area bar si è optato per 3 pergole bioclimatiche Kedry Plus con tetto a lamelle orientabili, nella stessa tonalità argento anodizzato. Le strutture sono tutte dotate di luci Led perimetrali, oltre che di vetrate panoramiche scorrevoli sui lati, vetrate fisse fronte mare e vetrate scorrevoli verticalmente sui lati della piscina.

Un curioso dettaglio di questo progetto sono le due palme che svettano dal tetto delle pergole: per poterle mantenere è stata studiata una soluzione ad hoc che prevede una parte fissa.

Pubblicato in Tutti gli articoli, Verande e Strutture, Viaggi e Turismo | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento