Porte italiane a Manhattan

1 oikos-ristrutturazione-new-york-9Il marchio italiano O2 Unknown3 oikos-ristrutturazione-new-york-84 oikos-ristrutturazione-new-york-4-683x1024ikos ha partecipato alla riqualificazione di un immobile storico e protetto dalle Belle Arti, a Manhattan, nel quartiere Tribeca, in Chambers Street, di proprietà privata: gli spazi interni ( foto 1 e 2 prima della ristrutturazione) sono risultati composti, a progetto ultimato, da 7 appartamenti e tre suite.

Degli interni si è occupato l’architetto Leopoldo Rosati che ha mescolato elementi tipici del territorio, come i classici mattoni faccia a vista alla Newyorkese, con uno stile estremamente moderno. Passato e presente, storia e modernità, conservazione e avanguardia, opposti che anche in questo progetto vivono e si combinano.

Una commistione di epoche, stili ed esigenze caratterizzano gli spazi rendendoli nuovamente vivibili, attuali ma mai privi delle loro radici anzi carichi di nuovi significati ancora più profondi.

Le residenze presentate sono espressione dell’adattabilità e della flessibilità che l’architetto Rosati, manifesta nel suo modo di progettare e interagire costruttivamente con i suoi clienti.

Per i sette appartamenti è stata installata Tekno Venezia, (foto 3) la porta blindata con cerniere a scomparsa caratterizzata da performance di alta gamma: classe antieffrazione 3, resistenza al fuoco EI 90 o EI120, isolamento termico 1,6, acustico 43 dB e aria, acqua e vento rispettivamente fino a 4, 5A e C5.

Per gli ingressi blindati di ciascuna delle tre suite la scelta è caduta sul modello Synua (foto 4) nelle varianti in cemento liscio e total white: la porta d’ingresso di sicurezza per le grandi dimensioni, a bilico verticale e complanare al muro. Il meccanismo a bilico, a scomparsa, consente all’anta di ruotare su se stessa, donando maggiore apertura e luminosità.

 

Questa voce è stata pubblicata in Recinzioni e Sicurezza, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...