TreeHotel nella Lapponia svedese

1 TREE HOTEL2 TREE HOTEL3 TREE HOTEL Bird png4 TREE HOTEL mirros png5 TREE HOTELIn Svezia, nella foresta attorno a Harads, a circa un’ora di macchina dall’aeroporto di Kallax, sono state realizzate singolari camere sugli alberi di pino: insieme costituiscono il Tree Hotel, per una vacanza di relax a contatto con la natura. Tutto nasce da Kent e Britta Lindvall, che sono stati certamente ispirati dal film documentario del 2008 “The Tree Lover”, di Jonas Selberg Augustsén, che racconta di tre persone che dopo aver vissuto sempre in città, ad un certo punto della loro vita decidono di riscoprire le proprie radici e costruiscono una casa sull’albero dove vivere insieme.

L’idea del TreeHotel, che prende vita a partire dal 2010, è quella di costruire delle unità abitative che rispettino i migliori standard abitativi di ospitalità in un ambiente naturale, un luogo nel quale lo stress giornaliero possa scivolare via e gli ospiti possano godere liberamente della pace e del relax della natura attorno. Inoltre, il complesso di camere sull’albero di Harads rispetta tutti gli standard ecologici di ecosostenibilità e rispetto per l’ambiente.

Alcuni tra i più famosi architetti e designer scandinavi hanno firmato le prime sei camere del TreeHotel, che dovrebbero poi aumentare fino a 21.

Prima di ritirarsi sugli alberi, gli ospiti vengono accolti alla reception che si trova nella guest house della proprietaria, Britta, per il benvenuto in un’atmosfera familiare e amichevole. Successivamente, gli ospiti vengono accompagnati nelle loro camere, tra le fronde degli alberi, in un ambiente singolare, ma esclusivo e insieme accogliente.

Le stanze sono tutte dedicate a un tema. Nelle immagini, in sequenza, alcune delle camere: The Cabin (foto 1) è una cabina sospesa. The Ufo (foto 2), una vera e propria navicella spaziale tra i rami. All’interno si trovano una camera con due letti per adulti e un’altra camera per tre bambini, un bagno e un living. Tutto in 30 mq. The Bird’s Nest (foto 3) è simile a un nido gigante. The Mirror Cube (foto 4) è un grosso cubo rivestito di specchi che, riflettendo i rami attorno, sembra fare parte del bosco. The Blue Cone (foto 5) riprende il tipico design a cono delle casette svedesi. Dragonfly, la camera più spaziosa tra tutte (52 mq) si ispira nella forma ad un “Drago volante” e ospita anche una sala conferenze da 12 posti. [GG]

 

Questa voce è stata pubblicata in Architetture, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...