15domande15: Alberto Basaglia e Natalia Rota Nodari

Come definireste in tre parole i vostri progetti?
A. Essenziali, senza tempo, concreti.
N. Creativi, versatili, al prezzo giusto.

Il mondo sente la necessità di nuove sedie?
A. Assolutamente sì. Il mercato le richiede.
N. Credo ci sia ancora tantissimo da dire e da fare riguardo a questo tema.

C’è differenza tra un progetto per l’indoor e un progetto per l’outdoor?
A. I nostri progetti per l’outdoor cercano di ricreare all’aperto la stessa intimità e atmosfera degli ambienti interni.
N. Per gli spazi privati la differenza è riconducibile a pochi dettagli, per gli spazi pubblici le componenti sono molto più complesse. È necessario tenere conto delle dinamiche sociali, della durabilità e della manutenibilità senza trascurare il fattore costo.

Quale accessorio per l’outdoor le piacerebbe progettare?
A. Un lampione stradale.
N. Una barca a vela.

Se non avesse fatto il progettista, cosa avrebbe voluto essere?
A. Chef.
N. Attrice comica.

Quale prodotto ha immeritatamente vinto il Compasso d’Oro e quale è stato immeritatamente ignorato dalle giurie?
A. Tutto il nostro sostegno va alle associazioni, iniziative ed eventi che premiano, raccontano e mostrano, quali meravigliosi prodotti possano nascere dalla collaborazione tra imprese e designer.
N. È possibile che qualche prodotto abbia meritato meno di altri, ma credo non sia questo il punto. Il Compasso d’Oro è un fortissimo stimolo per aziende e progettisti a cercare di dare sempre il meglio per tenere alta la cultura del design italiano. Ogni giudizio di merito crea polemiche inutili che non giovano al design italiano.

Con quali aziende ha collaborato lo scorso anno?
A.+N. Ci piace citare le aziende con cui, già da qualche anno, stiamo condividendo percorsi innovativi che ci stanno dando parecchie soddisfazioni. Diemmebi: community home e urban time. Pedrali: l’illuminazione contract/home. Luxit: illuminazione tecnica. Outlook Design Italia: oggettistica e bagno. YDF: natural and colours home. Altre storie non le possiamo ancora raccontare ma saranno presentate al pubblico presto.

Di cosa non riesce a fare a meno?
A. Ipad, iphone ecc. ecc.
N. Lavorare a maglia e uncinetto: è terapeutico, meglio della meditazione.

Quale libro sta leggendo, non necessariamente di design, e quale l’ultimo letto?
A. Ultimo letto “La strategia della semplicità” di Francesco Gallucci, in vacanza. Ora “Pirla con me” di Bertolino.
N. Ultimo letto “Il momento è delicato” di Ammaniti, è uno dei miei autori preferiti. Ora sto leggendo “La strategia della semplicità”, a piccole dosi: Alberto dice che ne ho bisogno. Ma sono convita che creare confusione aiuti, in alcuni casi, a trovare soluzioni sorprendenti.

Che musica ascolta?
A. Quella scaricata dalle figlie, 8 e 10 anni, sul mio ipad: Lady Gaga, Emma Marrone, Fabri Fibra. E ho citato i migliori…
N. Dipende da ciò che sto facendo: in macchina ascolto la radio, se devo essere concentrata a scrivere o leggere testi complicati musica classica. Mentre disegno musica pop di cui conosco i testi e che posso canticchiare.

Come si aggiorna?
A. Leggendo per lo più riviste, giornali, libri.
N. Internet, convegni, mostre, viaggi.

Che immagine c’è come sfondo del desktop del suo pc?
A. Logo di default di Windows.
N. Il mare d’inverno in Liguria.

Aggiorna lei il suo sito o c’è chi se ne occupa?
A. C’è chi se ne occupa…
N. …ma troppo di rado e in modo non tempestivo. Siamo in ritardo di almeno un anno con gli aggiornamenti!

Che cosa non è il design?
A. Autoproduzione.
N. L’arte non è design, ma il design è una forma d’arte, come l’architettura.

Come immagina il design tra dieci anni?
A. Me lo immagino identico a ciò che è adesso. Il lavoro congiunto di impresa e designer per realizzare prodotti industriali di altissima qualità tecnica, estetica e funzionale che possano essere utilizzati dal maggior numero di persone possibili.
N. Io spero che tra dieci anni la cultura del design, così come l’ha sinteticamente enunciata Alberto, sia molto più diffusa di quanto si voglia far credere oggi. Ma la mia speranza sarà disattesa se si continuerà a dare del design una visione distorta.

[DP – settembre 2012]


AlbertoBasaglia_NataliaRotaNodariAlberto Basaglia e Natalia Rota Nodari
Per loro progettare un comparto urbano, un edificio o una lampada non fa nessuna differenza. Affrontano tutti i campi della progettazione, dall’urbanistica all’architettura, alla progettazione ambientale, al design e alla grafica, cercando di approfondire sempre tutti i dettagli di ogni fase: la produzione, il marketing, la comunicazione, le strategie aziendali. Chiarezza e rigore progettuale sono gli obbiettivi ai quali aspirano, sforzandosi di eliminare, semplificare e ottimizzare e, allo stesso tempo, di personalizzare ciò che creano. Il processo creativo è un continuo confronto dialettico fondamentale per sviscerare le criticità di un progetto. Oltre alle quattro mani e ai due cervelli è stimolante ogni volta trovare l’intesa tra un punto di vista maschile e uno femminile. La loro prima esperienza di design è del 1999, anno in cui hanno creato la collezione e il marchio YDF vincendo il primo premio del concorso Young & Design. Progettano inoltre per Lema, Rexite, BPA, Luxit, I TRE, Pedrali, Outlook, Diemmebi, Treca Interior, Casa Blitz, Progetti. Di YDF, Outlook Design Italia, Diemmebi Urbantime e Blitz Bovisa sono anche direttori creativi. Per Rexite hanno disegnato il sistema Boox che ha vinto il Good Design Award del Chicago Athenaeum.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in People, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...